Ci ha lasciato Carla Fendi , pilastro dello storico marchio italiano e mecenate di arte e cultura. La quarta delle cinque sorelle della maison aveva 80 anni ed era malata da tempo. L’ingresso nell’azienda di famiglia negli anni Cinquanta, la conquista del mercato americano, la passione per la musica e l’arte. Il sodalizio con il Festival di Spoleto e poi la nascita della Fondazione a suo nome. Da sempre innamorata di Spoleto e del suo Festival, amica stretta del maestro Giancarlo Menotti ha contribuito con passione e dedizione a rendere il Festival dei due Mondi uno degli eventi più importanti della cultura mondiale, scegliendo di legare il marchio Fendi alla manifestazione.

Una donna dal grande spessore umano e dall’innegabile lungimiranza imprenditoriale.

Ci piace ricordarla con una sua frase : “Credo molto all’importanza e al valore della bellezza come cultura e formazione  nella mia esperienza di vita e di lavoro mi sono nutrita di bellezze estetiche, come costume ed evoluzione del sociale. Poi, questo rispetto per il bello l’ho dedicato alle bellezze artistiche che ci circondano: il bello come cultura e la cultura come linfa vitale. E come felicità, perché solleva lo spirito, è ossigeno in un mondo che ci travolge quotidianamente. Questo è il mio credo, e in questo metto tutte le mie energie”. Cit Carla Fendi